• Home
  • Newsletter
  • Una scena un po' più vuota. Guido Ferrarini ci ha lasciati

Una scena un po' più vuota. Guido Ferrarini ci ha lasciati

Duse, Duse... Duce, Duce

Duse, Duse...
Duce, Duce

1976
La principessa Elettra Marconi e Guido Ferarini

La principessa Elettra Marconi e Guido Ferarini

1984
Samuel Beckett, Guido Ferrarini, Tiziano Tommesani e la poetessa Claire Marteau

Samuel Beckett, Guido Ferrarini, Tiziano Tommesani e la poetessa Claire Marteau

1984 - Parigi
Il Cardinale Lambertini

Il Cardinale Lambertini

1986
ISABELLA, TRE CARAVELLE E UN CACCIABALLE - Luciano Leonesi, Dario Fo, Guido Ferrarini

ISABELLA, TRE CARAVELLE E UN CACCIABALLE - Luciano Leonesi, Dario Fo, Guido Ferrarini

1991
Don Chisciotte

Don Chisciotte

2000
ESCURIALE - Aldo Sassi e Guido Ferrarini

ESCURIALE - Aldo Sassi e Guido Ferrarini

2006
Paolo Villaggio e Guido Ferrarini

Paolo Villaggio e Guido Ferrarini

2007

È con profondo dolore che comunichiamo che nella notte tra il 15 e il 16 gennaio ci ha lasciato Guido Ferrarini, Presidente Onorario del Centro Culturale Teatroaperto/Teatro Dehon di Bologna.
Guido è stato per oltre 30 anni il volto e l'anima del Teatro Dehon di via Libia 59 e della Compagnia Teatroaperto da lui fondata nel 1974, che ha messo in scena numerosi spettacoli di cui Guido Ferrarini è stato autore, regista e attore. Ricordiamo “Duse, Duse… Duce, Duce”, “Fantomas” e “Uno, Due, op-là!”.
Ma uno dei personaggi e degli spettacoli che più ha amato rappresentare, anche per l'amore e l'entusiasmo che il pubblico ha sempre dimostrato, è "Il Cardinale Lambertini", opera teatrale dalla penna di Alfredo Testoni, andato in scena sul palco di Piazza Maggiore nelle estati del 1990 e del 2003.

Nella sua lunga carriera ha avuto l'occasione di collaborare con i grandi del teatro contemporaneo, tra cui Fernando Arrabal e Giorgio Celli, e i due premi Nobel Samuel Beckett e Dario Fo.

Guido Ferrarini ha infatti sempre visto il Teatro come un'arte complessiva, non settorializzata.

"Un attore o un regista deve potere e sapere cogliere la forza intrinseca del testo: sia di quelli popolari che di quelli più complessi, considerati - spesso erroneamente - appannaggio della cosiddetta 'alta cultura' ", soleva ripetere. 

Piero Ferrarini, Direttore Artistico del Teatro Dehon, saluta così il padre:
“Nella notte tra venerdì e sabato, con discrezione e consumato mestiere, è uscito di scena mio padre Guido Ferrarini. Sono sicuro che ha sorriso per l'ultima volta ripensando a quel pubblico a cui ha dedicato tutta la sua vita.
Guido Ferrarini ha creduto sempre, fermamente, incrollabilmente, nel valore della Cultura e del Teatro. Se la scena oggi è un po' più vuota mio padre continuerà per sempre a vivere nel ricordo di quanti lo hanno visto recitare.”

Stampa Email

Restate connessi

vivaticket w

fb yt logo instagram mail

 LOGO SANO E PURO DEFINITIVO 1
Questo locale è sanificato e purificato con sistema bi-zona.
----
Sito ufficiale del Teatro Dehon di Bologna
Centro Culturale Teatroaperto Soc. Coop. Impresa Sociale – Teatro Dehon - Teatro Stabile dell’Emilia-Romagna
Biglietteria e uffici 051.342934 , Via Libia 59 - biglietteria@teatrodehon.it
Orari Uffici: Dal lunedì al venerdì | ore 9 -13 e 15 -19
Biglietteria: Dal lunedì al sabato | ore 15 - 19