A seguito di sopravvenuti problemi d'ordine pratico, indipendenti dalla volontà dei gestori del Teatro Dehon ed imputabili unicamente a malaccorta e lacunosa comunicazione interna dell'azienda proprietaria dell'area, vi informiamo che, contrariamente a quanto prima comunicato, NON è per il momento possibile utilizzare a fini di parcheggio lo spazio afferente al centro commerciale sito ai civici 69-71 di via Libia.
Ricordiamo comunque che il parcheggio in zona Cirenaica / San Donato è GRATUITO a partire dalle ore 18.00 nei giorni feriali e per tutta la giornata durante i festivi.
Certi della vostra comprensione, e scusandoci nuovamente per il disagio - sia pure esso cagionato da fattori non imputabili alla nostra condotta - vi auguriamo, come di consueto... Buon divertimento!   
 

Da venerdì 15 a domenica 17 Novembre, feriali ore 21 domenica ore 16, il palcoscenico del Teatro Dehon vede protagonisti Corrado Tedeschi e Martina Colombari nella pièce teatrale di Eric Assous "Montagne Russe".
Per tutte le informazioni relative lo spettacolo cliccate QUI
Biglietteria da martedì a sabato ore 15-19 oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Abbonamento Dehon ORO/2020

6 spettacoli 
Interi € 102,00 (€ 17,00 a spettacolo) – Ridotti € 90,00 (€ 15,00 a spettacolo)
Comuni convenzionati € 72,00 (€ 12,00 a spettacolo)
Gli abbonati potranno usufruire gratuitamente del guardaroba del teatro.

È possibile acquistare l'abbonamento Dehon ORO/2020 on line su vivaticket logo nuovo

[widgetkit id="516" name="B ABB DEHON ORO 2020"]
Se n'è andato qualche giorno fa Gianfranco Civolani, noto a tutti per la sua attività di giornalista sportivo, ma assai meno conosciuto per quella di organizzatore ed autore teatrale, nonché di critico "indipendente" e acuto recensore. Del resto il Civ, da petroniano al 100%, era fatto così: non amava campare crediti o vantare meriti. Proprio come la sua Bologna, del resto, che nasconde i tesori più preziosi dietro mura e portoni austeri, e per sprezzo aristocratico, forse d'antico uso guerriero, concede gloria solo postuma ai suoi campioni. 

Trincerato dietro la burbanzosa baldanza di un cinismo di maniera, ma animato in realtà da un affettuoso umorismo sempre indulgente verso gli uomini e le loro miserie, Civolani non aveva perso con gli anni la voglia di osservare il mondo in modo divertito - senza che pur mai un sorriso tradisse la maschera impeccabile che aveva saputo costruire, quel personaggio che (lui consenziente!) gli aveva da tempo rubato  la scena.

Bizzarro destino, per uno che, come Civolani, le leggi della scena la conosceva intimamente, e certo non meno bene di quelle, altrettanto misteriose, del calcio; tanto da ricoprire la carica di direttore artistico della "Ribalta", il piccolo spazio di via d'Azeglio che esercitò per anni un ascendente formidabile sul milieu culturale bolognese ed italiano; quando le tavole del suo palco erano calcate da figure, allora emergenti, come Gigi Proietti e Ornella Vanoni, e la curiosità di un pubblico diverso da quello di oggi consentiva la proposta di repertori eccentrici e stimolanti. 

Ma le radici di questa passione, giovanile e mai rinnegata - tanto da essere rinverdita in tempi più recenti da una collaborazione con Giorgio Comaschi, che diede forma ad uno spettacolo incentrato sulle vicende dello scudetto calcistico del Bologna -, erano più profonde e differenti. Con altri uomini celebri del mondo culturale e teatrale bolognese, il Civ condivideva un background maturato negli ambienti del cabaret locale dei primi anni '60, post-brechtiano sul piano tematico (e già aperto alle forme del nonsense e del teatro dell'assurdo che domineranno il decennio successivo) ma ancora dipendente da stilemi estetici e formali mutuati dalla Berlino di Weimar; e, ugualmente, il gusto dell'osteria quale punto di aggregazione  (ma anche di elaborazione ed espressione artistica), e talvolta fucina autentica di talenti. Radici in fondo non molto dissimili da quelle di un altro grande alfiere della polimorfia intellettuale bolognese, Giorgio Celli, che all'attività accademica affiancò sino alla fine un'altrettanto feconda opera di autore teatrale. 

Certo, il Civ ai gatti preferiva il calcio (che Celli invece detestava, considerandolo - forse non del tutto erroneamente - un pericolosissimo oppio dei popoli), ma per molti aspetti le loro esistenze consonarono curiosamente; la concezione del teatro come avventura dello spirito, come sostanziale infedeltà al quotidiano, li accomunava. Oltre all'attività autoriale, poi, Civolani - fedelmente alla sua natura di gazzettiere - sviluppò una parallela opera di recensore, dimostrandosi critico avveduto, ma non per questo meno severo di quanto non fosse verso quel Bologna F.C. che ha amato per l'intera sua esistenza, pur senza mai lesinare critiche feroci, ironie taglienti e sarcasmi (come nel più puro stile petroniano).

Gianfranco Civolani è morto. Se n'è andato di domenica, memore forse di tempi lontani, quando solo nei giorni festivi si sacrificava al dio pallone, onorando con il rito collettivo la più laica (e sentita) delle italiche liturgie. E' morto e ci mancherà; lui personalmente, con quell'aria da vecchio druido brontolone a metà tra i fumetti di Asterix e le radici profondissime di Bologna. E lui, il Civ, come testimonianza di un impegno e di una fisionomia intellettuale capace di coniugare interessi diversi, pur perseguendoli con la medesima serietà.   

Piero Ferrarini

Giovedì 24 Ottobre alle ore 17.30 alla SALA RUSSAFA Centre Culutural d' Arts Escèniques di Valencia (Carrier De Denia 55) andrà in scena "Amleto experience 2.0" regia di Alessandra Cortesi, coordinamento pedagogico Antonella Vigilante.
Lo spettacolo, nell'ambito della quinta edizione della Giornata europea dei risvegli arriva a Valencia per la "Giornata nazionale sul danno cerebrale" promossa dall'associazione spagnola Nueva Opcion e grazie al contributo dell'Assessorato Cultura della Regione Emilia Romagna, nell'ambito del gemellaggio tra Comune di Bologna e Comune di Valencia.
La rappresentazione dello spettacolo sarà accompagnata da incontri seminari e laboratori teatrali e dalla mostra "I am Amleto" realizzata in collaborazione con l'Associazione Tempo e Diaframma a cura del fotografo Gabriele Fiolo.
Lo spettacolo è una co-produzione Teatroaperto/Teatro Dehon e La casa dei risvegli - Gli amici di Luca

Conferenza Stampa Amleto experience 2.0


Sito ufficiale del Teatro Dehon di Bologna

Centro Culturale Teatroaperto a R. L. – Teatro Dehon - Teatro Stabile dell’Emilia-Romagna
Biglietteria e uffici 051.342934 , Via Libia 59 - biglietteria@teatrodehon.it
Orari Uffici: Dal lunedì al venerdì | ore 9-13 e 15-18
Biglietteria: Dal martedì al sabato | ore 15-19